8 cose che non vorrei vedere più ad un matrimonio

Martedì 18 ottobre 2016

matrimonio scherzi

Stagione conclusa (qui ti avevo raccontato l'ultimo matrimonio di quest'anno) ed è inevitabile ripercorrere quello che è stato. Matrimoni tutti diversi, coppie con stili differenti, ma io le ri-sposerei tutte, anche quelle più complicate. Si parla sempre di come riconoscere i fornitori giusti, dei loro doveri, di come la bellezza del giorno delle nozze dipenda da loro e penso che sia giusto così, ma ci sono piccoli-grandi dettagli che nemmeno il più famoso wedding planner d'oltre oceano può prevedere e controllare. Lo vedo con i miei sposi, lo vedo ai matrimoni a cui sono invitata, lo vedo dai matrimoni che mi raccontano: ci sono decisioni che vengono prese dagli sposi indipendentemente dai consigli di un wedding planner o di un catering; ci sono ospiti che ignorano di essere parte di un evento importante e non capiscono esattamente quale sia il loro ruolo. Ti faccio un elenco di alcune cosette che secondo me andrebbero riviste, mi raccomando mettiamoci in mood ironia ok?

Ospiti vestite di bianco – Inizio con questo punto perché non posso credere che nel 2016 ci sia ancora qualcuno che ignori questa regola. Amo rendere liberi da imposizioni i miei sposi, ma loro sono i sovrani di quel gran giorno e qualche strappo al galateo se lo possono permettere, gli invitati no! Nel medioevo c'erano delle ragazze che avevano il compito di vestirsi in modo simile alla sposa per confondere gli spiriti maligni intenzionati a farle del male, ma negli anni '80 i Ghostbusters hanno fatto bene il loro dovere ed ora la sposa non corre più alcun rischio di essere rapita da un ectoplasma. Quindi ragazze ansiose si mettervi in mostra stiate pure serene, vedrete che troverete un altro colore che renda giustizia alla vostra bellezza. Diversamente, sappiate che quegli sguardi puntati su di voi e che voi crederete essere di ammirazione, in realtà vi stanno solo giudicando per la vostra poca eleganza (qualità che non si riferisce solo all'abito). Perdona la cattiveria futura sposa, ma lo faccio per il bene tuo e del tuo grande giorno.

Distanze oceaniche – Ho sentito di location distanti un paio d'ore dal luogo della cerimonia...spero si trattasse di una leggenda metropolitana! Gli ospiti sono disponibili a qualche sacrificio per partecipare al tuo matrimonio, ma ti prego di non maltrattarli. Se davvero non c'è altro modo che avere chiesa e location molto lontane tra loro, cerca di organizzare dei transfer con dei pullman per alleggerire almeno la fase del rientro...

Ospiti ritardatari - Quest'anno mi è successo due volte di dover far aspettare la sposa dietro alla curva perché mancava all'appello qualche ospite importante. In un caso abbiamo dovuto aspettare un pullman con 30 persone a bordo (abbiamo aspettato che arrivassero per evitare che entrassero in chiesa a cerimonia iniziata, 30 persone anche non volendo sono troppo chiassose). In un altro invece è stata la mamma della sposa a prendersela comoda. Messaggi tra me e la sposa “Sono all'ultima curva! Arrivo?” “No aspetta un minuto” “Ora arrivo?” “No scusa ancora un minuto” “Adesso?” “Scusa ma manca tua mamma” “...”. Insomma, la puntualità è sempre una bella dote da possedere, direi che in un giorno come il matrimonio chi non ce l'ha la possa almeno chiedere in prestito.

Amici fotografi – Tutti muoiono dalla voglia di portarsi a casa un ricordo tangibile del matrimonio a cui partecipano. Chi non ce la fa proprio ad aspettare le bomboniere si impossessa dei fiori della chiesa (ne parliamo dopo), altri si impegnano a realizzare un reportage minuto per minuto della giornata. Ormai chiunque può scattare fotografie con il cellulare e va bene così, ma mettersi accanto al fotografo al centro della navata? Posizionarsi davanti a lui quando sta documentando lo scambio degli anelli? Intralciare la visuale al momento dell'uscita della chiesa o al taglio della torta? Se sai di avere un amico facile a questi entusiasmi, spiegagli che almeno durante la cerimonia sarebbe meglio si trattenesse, per rispetto tuo, del fotografo professionista, dei soldi che hai speso per ingaggiarlo, per essere sicuri che con il suo flash indomabile rovini le immagini del tuo album di nozze.

invitate vestite di bianco

Fiori rubati – Ok, rubare è un termine un po' forte, ma avventarsi sui fiori che decorano la chiesa non appena il sacerdote congeda i presenti non è carino. Sembra invece che per qualcuno sia una questione vitale, tanto da iniziare a slegare le decorazioni a cerimonia ancora in corso. I fiori servono per decorare la chiesa e gli sposi posano lungo la navata anche dopo la cerimonia, prima di uscire, sarebbe bello che avessero ancora degli ornamenti presenti ad impreziosire gli scatti no? Anche i centri tavola, si potrebbe aspettare almeno fine serata per impossessarsene senza ritegno...se la pensi come me, quando consegnerai gli inviti inizia ad accennare al tuo desiderio di non vedere smontata la chiesa una volta che alzerai la testa dopo aver firmato il registro (la scusa “I fiori della chiesa servono poi al ristorante” è ottima).

Iban sulle partecipazioni – Tutti sanno che è più di una tradizione fare un regalo agli ospiti e ormai chiunque, chi più chi meno, accetta di buon grado che questo regalo sia in forma monetaria. Quindi non c'è nulla di male nel chiedere del denaro sonante come dono di nozze, davvero! Ma indicare l'Iban sulle partecipazioni è un po' troppo, sembra quasi che un invitato debba versare la propria quota di partecipazione. Piuttosto, indica sugli inviti il vostro sito web, da dove poi potrete dare tutte le indicazioni per finanziare il vostro viaggio di nozze o quello che più vi piace. Su internet ci sono tanti modi per avere un sito web gratis e ci sono anche tante liste nozze online che vi permettono di gestire la vostra lista virtuale insieme a tanti altri dettagli dell'organizzazione, dagli una possibilità prima di dire che non fa per te.

Andarsene prima del taglio della torta – Ormai i banchetti sono molto più snelli e veloci che in passato, quindi non si corre il rischio di rimanere a tavola per sei ore consecutive. Comunque la pazienza è qualcosa di soggettivo, così come gli impegni personali. Gli ospiti, però, sanno con mesi e mesi di anticipo di dover partecipare ad un matrimonio quindi hanno il tempo per organizzare ferie, cambi turno al lavoro, baby sitter, spostamenti, quindi a meno di un'emergenza improvvisa, tutto può aspettare che la torta sia tagliata prima di diventare una priorità. No? Pare anche che porti sfortuna...

Scherzi – Pesanti o meno che siano, alla maggior parte dei matrimoni arriva il momento degli scherzoni agli sposi. Mio parere personale: non mi piacciono, per vari motivi. Il primo è “tecnico”, perché interrompono la timeline e intralciano il lavoro dello staff in sala. Se gli scherzi iniziano quando sta per essere servito il risotto e il servizio si deve bloccare, il risotto arriverà freddo (e poi si dirà che al tuo matrimonio il riso non era buono e in quel ristorante non si mangia affatto bene). Per questo preferisco interrompere gli scherzi piuttosto che il lavoro dei camerieri, per fortuna il mètre di solito è d'accordo con me. Altro motivo è che nella maggior parte dei casi, questi scherzi divertono solo chi li fa, mentre gli sposi e soprattutto gli ospiti aspettano pazienti che la scenetta finisca e la festa riprenda vita. Inoltre a volte gli amici, magari complice il tasso alcoolico, non hanno il senso della misura ed esagerano con la goliardia. Il matrimonio è un evento a cui partecipano genitori, zii, nonni, perché scadere nel volgare davanti a loro? Non è una festa di laurea e entrambi gli sposi hanno avuto la loro serata per salutare la vita da single. A proposito: proiettare le immagini dell'addio al celibato e al nubilato è una pessima, pessima, idea!

rubare i fiori in chiesa

Insomma, mi piacciono le feste rilassate e non ho problemi a prendermi della licenze dal manuale del “matrimonio perfetto”. Ma mi piacerebbe che la linea impostata dagli sposi fosse più rispettata dagli invitati e che gli ospiti avessero più coscienza dell'importanza dell'evento a cui sono chiamati a prendere parte.

E anche gli sposi potrebbero stare più attenti ad alcuni dettagli di stile, specialmente quando sono molto esigenti in fatto di allestimenti, atmosfera, eleganza. Ti ho già fatto l'esempio dell'Iban sugli inviti, ma la cosa che mi dispiace di più è che la tradizione di spedire dei ringraziamenti a matrimonio avvenuto sia sempre meno presa in considerazione. Qui ti avevo spiegato il perché non dovresti rinunciare a questo gesto, tu mi sai dire invece qualche buon motivo per non spedire delle thank you cards?

Come sempre i commenti qui sotto ti aspettano per dire la tua e farci chiacchierare un po', mentre l'eBook gratuito “Mi sposo! E adesso?” è lì che ti aspetta per aiutarti a muovere i primi, importantissimi, passi verso il giorno del “Si”.

Non perderti gli aggiornamenti!

Iscriviti subito alla newsletter!

Hai trovato interessante questo articolo? Lasciami un commento!

Grazie per i vostri commenti:

Sav

Concordo su tutto!!! Ma come si fa a tenere a bada gli "spiriti indomabili"? Glielo si dice prima con il rischio che ci rimangano male?


Valeria - La petite Coco

Mariaroberta, anche i fotografi sono della tua stessa opinione!


Mariaroberta

Grazie Valeria, articolo molto interessante! pensavo di essere l'unica a non apprezzare certi scherzi. La cosa che ritengo più fastidiosa sono gli invitati che entrano dietro la sposa o a cerimonia iniziata dal portone principale...


Valeria - La petite Coco

Ragazze, che belli i vostri commenti, grazie! Il fatto che certe cose non le veda solo io mi rassicura!

Giulia, fantastica che pensi già ai ringraziamenti, vedrai quante persone le apprezzeranno!

Stefania, genitori e suoceri a volte non sono per nulla aggiornati sulla questione "matrimonio". Non è cattiveria, ma semplicemente non sanno che alcune cose sono cambiate da quando è toccato a loro. Tu comunque smetti di dare indizi così eviterai di sentire commenti. Avevo anche scritto questo post poco tempo fa "Chi ha paura dei genitori invadenti? Mini guida per mettere al sicuro il tuo matrimonio"

Per il resto che dire? La camparata mi mancava!

 


Giulia

Le Thank you cards le ho progettate prima ancora di ricevere la proposta di matrimonio! A tutti i matrimoni in cui sono stata ho fatto un bonifico (proprio perché c'era un iban lista nozze sulla partecipazione) del quale non ho avuto riscontro (sarà arrivato? Sarà stato gradito?). Sono un ottimo metodo per dimostrare la propria gratitudine ed evitare disagi di qualsiasi tipo!


Stefania

Ciao Vale, Come sempre mi trovo d'accordo con te.... Ma quando è la suocera a metterti i bastoni tra le ruote? Ieri nel parlare le ho accennato delle partecipazioni e mi ha risposto che non ce n'era bisogno almeno per i suoi parenti perché "faccio un giro di chiamate io". Sono rimasta perplessa,ma ovviamente non ho neanche preso in considerazione questa ipotesi. Ma arriviamo al tasto dolente...il tableu de marriage. Quando le ho spiegato cosa fosse ha quasi avuto un mancamento e mi ha spiegato che era giusto far decidere ai loro parenti dove sedersi e che non avrei dovuto obbligare nessuno a sedersi dove volevo. A volte credo che anche in fase di preparazione ci siano delle regole da rispettare...la prima fra tutte è quella di non far esaurire la futura sposina! Voi che ne pensate???


Lorena

Molto simpatico e interessante!! Concordo in pieno!


Lorenza

Ciao Vale, che dire.....sono tutte cose che condivido pienamente! Aggiungerei anche quella che ultimamente sembra essere diventata un must, almeno dalle mie parti: la "camparata" fuori la chiesa, appena terminata la cerimonia. Sposi ed invitati che mandano giù tutta d'un fiato la bottiglietta di Campari...francamente una scena davvero poco gradevole, soprattutto se associata alla figura della sposa che dovrebbe esprimere eleganza e raffinatezza


Francesca

Sottoscrivo parola per parola quello che ho letto!


Robbi

Condivido in pieno il tuo pensiero e la penso esattamente come te su tutti i punti. Purtroppo, da sposa, ci sono comportamenti che non possiamo controllare e prevedere (soprattutto quello degli.invitati). Grazie dei tuoi consigli!


Images Credits: pinterest

Sono Valeria Ferrari, wedding planner, e sono qui per organizzare il vostro grande giorno. Leggi di più...

I MIEI POST PIÙ LETTI
Vai alla raccolta

IN REGALO PER VOI
Il mio eBook gratuito
Mi sposo, e adesso?
IL MIO CORSO IN AULA
Wedpreneur Weekend

per i professionisti
del mondo wedding

BRIDAL STARTER KIT
TROVA NEL BLOG