Fedi nuziali: quanto costano e come sceglierle

Lunedì 14 ottobre 2013
Scegliere la fede. Quelle di Tuum hanno inciso il "Padre nostro"
 
Lo scambio delle fedi è l'ultimo gesto rimasto di una serie di riti di passaggio che, nel corso dei secoli, era necessario compiere affinché venisse riconosciuto il vincolo coniugale. Se oggi il giorno del matrimonio è considerato il momento simbolicamente più significativo della formazione di una nuova famiglia, in passato erano tanti, e dilatati nel tempo, gli atti che dovevano essere compiuti per considerare legittima una coppia di sposi.
 
Solo dal cinquecento infatti le chiese cattoliche e protestanti hanno imposto una celebrazione pubblica della cerimonia nuziale come condizione fondamentale di validità del matrimonio, facendo partire dalla data inscritta su un registro tutta la serie di diritti e doveri innescati dalle nozze. Da allora molti riti sono gradualmente venuti meno, scomparendo o tramutandosi in atti meramente simbolici, per cui se in passato tra il momento della consegna dell'anello e l'inizio della coabitazione trascorrevano mesi (se non anni), oggi tutto quel percorso fatto di ritualità pubbliche e private viene condensato nell'unica giornata delle nozze, in particolar modo durante la celebrazione della cerimonia.
 
Con tutto il carico di simbologia, tradizione e romanticismo che le fedi portano con sé, è facile intuire come la loro scelta sia da effettuare con attenzione! La forma circolare degli anelli rappresenta chiaramente l'unione tra due persone, le parole che vengono pronunciate nel momento dello scambio li trasformano nel concreto simbolo di fedeltà reciproca, assumendo così anche una connotazione sociale, in quanto tale capita e rispettata da tutti (o almeno dovrebbe!).
 
In Italia e in molti Paesi cattolici la fede va indossata sull'anulare sinistro (questa usanza sarebbe dovuta agli egizi, secondo i quali dall'anulare partirebbe un'arteria, la vena amoris, collegata direttamente al cuore: perché non crederci?), ma non è così in tutte le culture. Nel Nord Europa e in alcune località dell'America Latina la fede è indossata a destra, nei riti indiani, invece, addirittura tutte le dita vengono adornate dagli anelli.
 
Fedi d'autore - Damiani e Polello
 
Vediamo sempre più personalizzazioni del matrimonio e così anche le fedi vengono scelte nei materiali più disparati, ma credo che la fede d'oro sia ancora una scelta doverosa! I designer ne creano in continuazione di strane o semplicemente particolari, si possono tuttavia elencare tre tipologie standard tra cui scegliere:
 
  • classica, tonda e smussata;
  • francesina, sottile e leggermente bombata;
  • mantovana, alta, piatta e più pesante della media
 
Per il colore ormai l'oro giallo non è più una scelta obbligata, potete avere le vostre fedi in oro bianco o rosa, oppure bi o tricolore, sui vostri gusti potete decidere solo voi!
 
Gli sposi si scambiano questo doni preziosi come pegno d'amore durante il matrimonio, ma chi le regala a loro? Teoricamente sarebbe la famiglia dello sposo a dover sostenere questa spesa, ma solitamente sono i testimoni coloro che desiderano fare un regalo così importante. Chiunque sia a sobbarcarsi l'onere e l'onore delle fedi, la cosa importante è che siano gli sposi a scegliere modello, orefice, marca, colore e quant'altro, sono vietate imposizioni da parte di suocere, mamme e damigelle.
 
Se scegliete delle fedi molto costose, sapendo che la spesa supera il budget di chi vorrà regalarvele, non esitate a pagare la differenza alla gioielleria, non dovete mettere in imbarazzo il vostro più caro amico ma non dovete nemmeno rinunciare al vostro sogno. L'oro è il metallo più prezioso che esista, tuttavia si possono trovare varie fasce di prezzo, spendendo dai 300 agli 800 euro potrete avere dei bellissimi anelli e di ottima qualità. Se ambite a fedi esclusive, di noti, notissimi, marchi preparatevi però a sborsare cifre decisamente più rilevanti!
 
Fedi artigianali - Acquamarina gioielli
 
Iniziate a cercare le fedi almeno 3 mesi prima delle nozze e ordinatele con almeno un mese di anticipo per essere sicuri che siano incise con i vostri nomi in tempo per la cerimonia. Il giorno del matrimonio adagiatele sul cuscino portafedi (dove saranno fotografatissime!) e prima che siano date in mano ad un dolce paggetto, assicuratevi di consegnarle ad una persona di estrema fiducia!
 
Fonte: Daniela Lombardi, “Storia del matrimonio, dal medioevo ad oggi” - Il Mulino

Non perderti gli aggiornamenti!

Iscriviti subito alla newsletter!

Aspetta! C'è dell'altro!

Hai trovato interessante questo articolo? Lasciami un commento!

Images Credits: tuum, damiani, polello, acquamarina gioielli

Sono Valeria Ferrari, wedding planner, e sono qui per organizzare il vostro grande giorno. Leggi di più...

I MIEI POST PIÙ LETTI
Vai alla raccolta

IN REGALO PER VOI
Il mio eBook gratuito
Mi sposo, e adesso?
IL MIO CORSO IN AULA
Wedpreneur Weekend

per i professionisti
del mondo wedding

BRIDAL STARTER KIT
TROVA NEL BLOG