5 cose molto stupide che puoi fare per il tuo matrimonio

Martedì 16 gennaio 2018

errori matrimonio

Nella frenesia dei preparativi si rischia di prendere decisioni avventate. Vuoi per l'influenza di amici e parenti che “ne sanno un sacco” e ti ricoprono di saggi consigli, vuoi perché a volte la voglia di avere un matrimonio splendido è così tanta da offuscare la tua lucidità. In questi anni come wedding planner ne ho viste di tutti i colori, soprattutto so che ci sono delle decisioni che le spose (gli sposi) prendono e delle quali si pentono amaramente. Ti propongo una piccola selezione, per riflettere e ridere un po'.

Tagliarti i capelli – Il matrimonio è un grande cambiamento nella vita di una persona e si sa che una donna, quando sente di attraversare un periodo di evoluzione, corre a tagliarsi i capelli. Quindi succede che all'inizio dei preparativi qualche ragazza decida di regalarsi un nuovo look, accorciando i capelli. Non farlo! Capisco la voglia di novità, ma dovresti arrivare al giorno del matrimonio con i capelli più lunghi possibile, se desideri un'acconciatura raccolta o delle belle onde ad incorniciare il tuo viso. Sotto data, sarà il tuo parrucchiere a dirti di spuntare o schiarire dove serve, tu non prendere iniziative.

Invitare il tuo ex – Ahi ahi, argomento spinoso. Che tu e lui siate rimasti in ottimi rapporti non è un problema, ma la presenza di un ex provoca sempre commenti, chiacchiere e paragoni. Nel dubbio lascia stare, dalle chiacchiere si passa presto ai malumori!

Non dare un dress code – Non so perché accade, ma sembra sempre più diffusa l'abitudine di vestirsi di bianco ai matrimoni altrui. A mio avviso è una grande mancanza di rispetto nei confronti della regina indiscussa della giornata. Se non vuoi trovarti con la fidanzata del cugino bardata in un abito di candido pizzo (visto con i miei occhi, giuro), trova una frase educata ma tassativa per chiarire che gli abiti bianchi “non sono graditi”.

Non assegnare i posti a tavola – Puoi avere anche pochissimi invitati, ma assegna i posti a tavola. Niente code per sedersi, niente imbarazzanti richieste di cambi posto, nessun rischio di far sedere vicine due persone che non si stimano un granché.

Non assumere un fotografo – E' vero, siamo nell'era dei social e dei cellulari super tecnologici, ma non raccontarti la favole di te che fai stampare le immagini raccolte con il vostro hashtag perché non accadrà. Il tuo abito, stupendo, purtroppo rimarrà un ricordo chiuso in un armadio, le vostre fotografie, invece, saranno sempre lì, pronte a farsi guardare per rivivere l'emozione di un giorno speciale.

Se ti servono altri consigli e una mano concreta per organizzare il tuo matrimonio, scarica “Mi sposo! E adesso?”, il mio eBook gratuito che in pochi click arriverà nella tua casella di posta. Buon planning!

Non perderti gli aggiornamenti!

Iscriviti subito alla newsletter!

Aspetta! C'è dell'altro!

Hai trovato interessante questo articolo? Lasciami un commento!

Images Credits: Pinterest

Sono Valeria Ferrari, wedding planner, e sono qui per organizzare il vostro grande giorno. Leggi di più...

I MIEI POST PIÙ LETTI
Vai alla raccolta

IN REGALO PER VOI
Il mio eBook gratuito
Mi sposo, e adesso?
IL MIO CORSO IN AULA
Wedpreneur Weekend

per i professionisti
del mondo wedding

BRIDAL STARTER KIT
TROVA NEL BLOG